Torna all'Home Page

NY NY Logo

Pagina Generale Il Manga I Personaggi Gallery Marimo Ragawa

04 cover italianaDati Tecnici:

Autrice: Marimo Ragawa
Casa editrice: Hakusensha (Jet Comics)
Data di Pubblicazione: 30 novembre 1998
Codice: ISBN 4-592-13344-7
Prezzo: 530 Yen

Joey si vede costretto a fuggire e cambiare nascondiglio, quindi prende Mel e iniziano a fuggire per il bosco, ma ben presto vengono raggiunti prima da Kain e poi da Luna. Dopo una lunga colluttazione Joey resta ucciso nello scontro a fuoco con Luna, la quale poi scopriamo essere veramente sua sorella, e Kain riesce a salvare Mel.
Mel non ha subito grosse ferite fisiche ma la sua psiche è a pezzi e psicologicamente risente molto del rapimento e di tutte le brutte cose che ha subito, quindi Kain, dopo aver Kainlungamente riflettuto, decide di lasciare la città e di trasferirsi dai suoi genitori, forse lontano da New York Mel potrà ritrovare la pace e la serenità.
A Boston le cose sembrano iniziare a mettersi a posto, ne ha la prova anche Luna quando passa a trovare i due e anche per lei la vita sta procedendo molto meglio, finalmente ha trovato un punto di equilibrio. Mel si iscrive al liceo e conclude gli studi, Kain continua a lavorare come poliziotto.
Passano gli anni e i due ragazzi riescono pure ad adottare una bambina: Erika. La piccola è figlia di una tossicodipendente che si drogava mentre era incinta, quindi a volte ha dei problemi di comportamento, ma grazie all'amore dei suoi genitori adottivi riesce a superare bene la cosa, anche se spesso deve far i conti con l'incomprensione dei compagni di classe e qui... salta di nuovo fuori il suo caratterino (non esita a prendere tutti a botte! XDD). Però la sua vita scorre tranquilla, come quella di qualunque ragazzina americana: va a scuola, incontra il suo primo fidanzatino e va con lui al ballo di fine anno. Il ragazzo poi diverrà suo marito. Successivamente Mel si ammala di cancro e all'età di 52 anni se ne va, lasciando Kain da solo.
Matt, il marito di Erika, scrittore freelance intervista il suocero e scrive poi un libro sulla loro storia d'amore, libro che si intitola ovviamente "New York, New York". La vita di Kain si spegnerà a 85 anni, circondato dall'amore della sua famiglia e dei suoi nipoti e bis-nipoti.

New York New York - Fine

Ny Ny 04 bokukara cover
Dati Tecnici:

Titolo: Boku kara Kimi e (Da me a te)
Autrice: Marimo Ragawa
Originariamente pubblicata sulla rivista Melody
Anno di pubblicazione: 1997
Casa editrice: Hakusensha
Storia breve pubblicata anche in appendice al volume 04 di New York New York e in seguito ristampata su una raccolta di storie brevi dall'omonimo titolo (Boku kara Kimi e)

Hiromu Takizawa si reca alla veglia funebre di un suo amico: Natsuki Omi, morto alla giovane età di 24 anni. Lì trova solo una donna che ha l'età di sua madre, era la sua amante. Natsuki viveva mantenuto da lei.
Durante il viaggio di ritorno il ragazzo salta la fermata della metropolitana alla quale doveva scendere, quindi si vede costretto a rifare tutto il giro. Durante il tragitto ripensa alla sua amicizia con Natsuki, fin dal loro primo incontro in terza elementare.
Natsuki era un bambino con una realtà familiare piuttosto difficile, suo padre era un alcolizzato e un violento e la madre se ne era andata lasciando lì il figlio. Nel paese tutti consideravano Natsuki un poco di buono, un bulletto che trascinava sulla cattiva strada tutti i ragazzini che lo frequentavano. Natsuki aveva stretto una forte amicizia solo con Hiromu, ma vista da fuori la cosa poteva sembrare più una sorta di sfruttamento, ma a Hiromu andava bene così e apprezzava le attenzioni di Natsuki. I due però si erano persi pian piano di vista fino a ritrovarsi l'ultimo anno di scuole medie, quando Hiromu si era preso così a cuore la situazione di Natsuki che lo aveva persino aiutato a studiare per passare l'esame di ammissione alla scuola superiore. Ma un giorno Natsuki non si presenta a lezione e gli dice che non ha intenzione di iscriversi al liceo, pochi giorni dopo sparisce e non si presenta neppure alla cerimonia di consegna dei diplomi. Mesi dopo Hiromu scoprirà che la ragazza di Natsuki era rimasta incinta e i due erano scappati via insieme.
Passano gli anni e di Natsuki non si hanno più notizie finché durante il terzo anno di liceo di Hiromu, Mitsuko, la ragazza di Natsuki, torna a vivere al paese, ma il ragazzo non ha il coraggio di fermarla e chiederle notizie dell'amico. Quello stesso inverno muore anche il padre di Natsuki.
Hiromu rivede per caso il ragazzo a Tokyo durante l'estate del suo primo anno lì, lo incontra per strada e i due si salutano come se non si fossero mai persi di vista. Si fermano in un bar a chiacchierare, qui Hiromu gli comunica della morte del padre e gli chiede del bambino: il piccolo è deceduto prima di poter compiere un anno. I due cominciano a vedersi e Natsuki comincia a presentarsi spesso a casa di Hiromu senza permesso e preavviso, fa persino amicizia (e non solo) con la sua appariscente e bellissima vicina di casa. Un giorno Hiromu "è costretto" a portarselo dietro durante una festa organizzata dai suoi compagni di università ma la cosa finisce male e Natsuki scatena una rissa. I due poi alla fine litigano.
Intanto Hiromu si mette con una ragazza conosciuta alla festa e le dà le chiavi di casa sua, ma quando, dopo tre mesi, ricompare dal nulla Natsuki le cose prendono un'altra piega: tempo dopo la sua ragazza lo lascia dicendogli che si è innamorata del suo amico. I due si erano conosciuti durante le visite inaspettate di Natsuki e la ragazza lo faceva entrare nell'appartamento del fidanzato perché provava pena per lui.Hiromu e Natsuki
In seguito i due poi avevano litigato per i soliti futili motivi e Hiromu stavolta si era davvero infuriato. Natsuki poi lo aveva chiamato per scusarsi, il loro rapporto era ripreso come sempre ed era andato avanti così per anni. Finché un giorno Hiromu riceve una telefonata da una donna mai conosciuta che gli dice che Natsuki è morto.
Aveva aiutato un bambino perché non finisse sotto una macchina, nel farlo aveva sbattuto la testa, ma se ne era tornato a casa come se niente fosse. Solo che la ferita era più grave del previsto ed era morto per un'emorragia cerebrale. La donna, l'amante di Natsuki, aveva chiamato Hiromu perché era l'unico nome che compariva sull'agenda del ragazzo.
Hiromu legge il foglietto che la donna gli ha dato alla commemorazione, lo aveva trovato fra le cose di Natsuki e aveva pensato che fosse per lui: sopra c'è scritta una poesia e un ringraziamento. Natsuki lo ringraziava per la sua amicizia durante tutti quegli anni.

Minmay

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.