Torna all'Home Page

mars logo

Introduzione Fuyumi Souryo Manga Personaggi Galleria di Immagini

Mars Gaiden

Gaiden Cover Informazioni Generali:
Titolo: Mars Gaiden ~ Namae no nai Uma
(Mars Capitolo Extra ~ Il Cavallo senza Nome)
Autrice: Fuyumi Souryo
Casa editrice: Kodansha (Betsufure Kodansha Comics)
Data di pubblicazione: 9 dicembre 1999
Codice: ISBN4-06-303178-0

Nota: questo volumetto extra (uscito in patria ancor prima della fine della serializzazione di Mars), comprende una breve storia incentrata su Rei, dove assistiamo anche alla famosa scena "delle chiavi nel tombino" primo vero incontro fra Rei e Kira, e due short story che non hanno niente a che fare col mondo di Mars.

Le Storie:

Il Cavallo senza Nome (Namae no nai Uma)


Atsushi Inoue si prepara ad affrontare il primo giorno di liceo: il ragazzo è molto dubbioso su quanto lo attende ma allo stesso tempo la curiosità per questa nuova avventura è tanta. Il suo intento è quello di cominciare nel migliore dei modi, lasciando alle spalle le scuole medie, cercando di farsi subito notare all’interno della scuola come un ragazzo serio, deciso e determinato. Entrato in classe, si imbatte subito in Rei Kashino e dunque la sua determinazione viene messa immediatamente a dura prova, anche se, almeno inizialmente, con scarso risultato. Ma il vero motivo per cui il ragazzo ha scelto proprio questo liceo è per via di Kira Aso, di cui è segretamente innamorato e, mentre lo stesso cerca in tutti i modi di trovare l’occasione per fare colpo su di lei e dunque per dichiararsi, quasi involontariamente assiste invece all’incontro tra la ragazza e Rei, complici un paio di chiavi cadute accidentalmente in un tombino: Rei aiuta Kira in cambio di un piccolo prestito in denaro. Atsushi ora è ancora più demoralizzato per l’occasione fallita. Una sera, mentre il ragazzo, con i suoi amici, è in un bar a bere qualcosa, si accorge di una rissa in corso e, uscito dal locale, vede con stupore Kashino che, con molta naturalezza, si diletta a prendere a pugni ben quattro ragazzi più grandi di lui, lasciandoli stesi sulla strada. Atsushi resta stupito e incredulo nell’aver Gaiden Risvoltovisto un ragazzo del primo anno comportarsi così con tanta foga e la sua idea inerente al fatto di “fargliela pagare” per come si era comportato con Kira, passa ormai in secondo piano aspettando magari l’occasione giusta, onde evitare di essere ridotto male. L’occasione però si concretizza subito: durante la rissa, Rei perde, senza accorgersene, il suo prezioso braccialetto e Atsushi e i ragazzi lo trovano, lo raccolgono e invitano Kashino a presentarsi da loro per una questione importante. Ma con Rei non la si spunta e alla fine, nella confusione generale, è proprio il braccialetto ad avere la peggio, finendo in un fiume. Nessuno dei ragazzi riesce a ritrovarlo ma, grazie ad un pescatore di passaggio, alla fine riescono comunque a recuperarlo. Atsushi rimane sempre più senza parole per tutti i comportamenti di Rei e i due alla fine si rappacificano. Proprio mentre Rei racconta la storia del suo prezioso braccialetto (un regalo di un suo caro amico investito sfortunatamente da un’auto), i due si imbattono nuovamente nelle persone che la sera prima Kashino aveva “steso”. Con uno stratagemma, vengono attirati nel loro covo e così, senza via di fuga, ci si prepara al peggio. Ma quando Rei si presenta, tutti lo riconoscono come il giovane motociclista vincitore della quattro ore di Suzuka e così il capo banda, promette di lasciarli andare solo se lo stesso Kashino riuscirà a gareggiare con loro in moto per le strade della città. Rei naturalmente accetta e, sfrecciando per la città, ritorna trionfante, “conquistando” così definitivamente Atsushi che finalmente riesce a vedere anche i lati positivi del ragazzo. I due, tornando a casa, ascoltano una canzone proveniente dallo stereo di un’auto parcheggiata: il brano risulta essere una delle canzoni preferite da Atsushi di cui però, con grande dispiacere, ignora il titolo. Rei invece, conosce il brano della band americana e così glielo rivela: “Il Cavallo senza Nome”.

Il Leone Dormiente (Nemuru Lion)

La storia narra di un ragazzo decisamente particolare: Isamu, che, sotto l’apparenza rude, incurante dei pericoli e menefreghista, nasconde in verità una terribile vicenda che l’ha visto protagonista. Un giorno, in un supermarket, lui e il suo migliore amico assistono ad un tentativo di rapina; l’amico, cercando di compiere una buona azione, si getta sul malvivente facendogli cadere la pistola che scivola proprio ai piedi a Isamu. Ma, al momento di raccoglierla, il ragazzo si blocca tremante di paura e non riesce a concludere il lavoro iniziato dall’amico che, alla fine, ottiene la peggio dopo che il rapinatore, liberatosi di lui, recupera l’arma e si vendica, uccidendo il ragazzo. Questo avvenimento, porta Isamu a odiare la vita e a odiare il proprio carattere che è stato alla fine la causa della morte del suo migliore amico. Mentre si trova in ospedale, una ragazza, Ayame, si accorge di lui. Passato un po’ di tempo, Isamu si accorge che una ragazza, appunto Ayame, lo segue insistentemente da giorni e alla fine, un po’ seccato, decide di andare a parlare con lei per capire quello che sta accadendo, non avendola riconosciuta. Ayame resta Gaiden Risvoltoaccanto a Isamu per cercare di renderlo un po’ più dolce, responsabile e, perché no, gentile, mantenendo comunque invariato il suo temperamento deciso e determinato. Isamu, dapprima un po’ contrariato nell’aver sempre “tra i piedi” Ayame, ma piano piano si accorge di stare veramente bene con lei e, nel giorno del compleanno della ragazza, i due hanno un dialogo molto tenero nel quale la stessa Ayame sostiene che ogni persona all’interno di se stesso ha un leone che deve solo essere svegliato per poter affrontare la vita di tutti i giorni con coraggio. Ayame ringrazia Isamu per la compagnia e per averle saputo donare, appunto, quel coraggio che a lei mancava. Isamu però perde le tracce della ragazza e, desideroso di ritrovarla per donarle il suo regalo di compleanno, si reca in ospedale, sperando di poter trovare informazioni su di lei, visto che tempo prima si erano incontrati proprio lì. Con sorpresa, l’infermiera di turno lo accompagna nella sua stanza: Ayame è in coma vegetale dall’estate precedente in seguito ad un terribile incidente e ormai è giunta l’ora di abbandonare purtroppo ogni speranza. Isamu si rende così conto di avere avuto a che fare con lo spirito della ragazza che gli è stato accanto per fargli capire che la vita è un dono prezioso e che non bisogna gettarla al vento. Ayame, alla fine, si presenta a lui ancora una volta, esprimendo dunque il suo ultimo desiderio: “Vivi anche per me”.

Il Frutto da un Carato (1 Carat no Kajitsu)

Nina è una studentessa apparentemente come tante ma che invece nel suo cuore nasconde tanta tristezza e tanta amarezza per via del cattivo rapporto che ormai si è instaurato in famiglia. Infatti il papà e la mamma non vanno più d’accordo da tempo e la ragazza spesso ha visto suo padre in compagnia di un’altra donna passeggiare per la città ed inoltre ogni giorno sua madre si ubriaca bevendo dalla mattina fino a sera, quando alla fine crolla esausta. Prossimi dunque al divorzio, per Nina questo non è un buon auspicio per il futuro e questa condizione si riflette nel suo carattere che spesso e volentieri si chiude, rinnegando valori quali amicizia e amore. Un giorno la sua amica e compagna di classe Ryoko, ottiene un appuntamento con Rui Asakura, ragazzo molto popolare per via della sua bellezza. Il verità al ragazzo interessa molto Nina e così, una volta in compagnia di Ryoko, inizia a tempestarla di domande su di lei, in quanto amiche. Quando la notizia arriva alle orecchie di Nina, la ragazza stenta a credere che un ragazzo così bello possa avere interesse per lei che, tutto sommato, è una ragazza “normale” al contrario magari proprio di Ryoko che invece risulta essere molto bella e appariscente. La situazione scatena una vera polemica e Nina viene spesso e volentieri presa di mira dalle ragazze invidiose dell’interesse di Rui per lei, compresa Ryoko che si sente ormai tradita: rabbia e delusione, hanno la meglio su di lei e i dispetti per la sua ormai ex amica non si fanno attendere. Nina comincia ad uscire con il ragazzo più che altro per curiosità e man mano che passa il tempo, tra i due nasce forse qualcosa di più che una semplice amicizia. Ma la verità non tarda a venire a galla: Rui in realtà non è altro che il figlio della donna che si vede con il padre di Nina! Il ragazzo, avendo saputo che l’uomo aveva una figlia, scoperto che si trattava di Nina, voleva assolutamente conoscerla meglio per Gaiden Backcomprendere che tipo di persona poteva essere. I due ragazzi si trovano a meraviglia e constatano di avere caratteri analoghi oltre naturalmente ad essere accomunati da esperienze di vita familiare praticamente identiche. Il ragazzo però, una volta che le rispettive famiglie hanno ottenuto il divorzio, prima che sua madre vada ad abitare con il padre di Nina, decide di partire per Londra dove vive il suo vero padre. La notizia sconvolge Nina che proprio non riesce a comprenderne il perché e Rui le spiega che per lui sarebbe difficile vedere sua mamma con un altro uomo e visto che ne ha la possibilità, per il momento, la sua decisione è questa. Il ragazzo regala a Nina un paio di orecchini con granati che il giorno prima avevano visto assieme in una vetrina di un negozio e che a lei erano piaciuti tanto: un piccolo segno di affetto, forse il primo frutto di un amore appena sbocciato. Un amore per il momento a distanza sull’asse Inghilterra-Giappone.

Note: Cover - da noi è ribaltata e ingrandita l'illustrazione. Sul volume giapponese era pubblicata una pin-up in fondo con i protagonisti di 1 Carat no Kajitsu che si abbracciano (e comunque era lì come riempitivo ed era presa da una vignetta interna).
Risvolto - c'è solo l'illustrazione. Entrambi i risvolti sono le illustrazioni a colori dei frontespizi di Nemuru Lion e 1 Carat no Kajitsu.

Kyosuke
graphic by minmay

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.