Torna all'homepage del Nekobonbon

 

Pagina iniziale di Fancy Lala Informazioni su Rurika Kasuga Il manga di Fancy Lala La serie tv di Fancy Lala I personaggi di Fancy Lala Galleria di immagini di Fancy Lala La colonna sonora di Fancy Lala

Lala versione mangaProtagonista del manga in questione è Miho Shinohara, una bimba come tante, piena di energia e con mille sogni nel cassetto, tra cui quello di poter un giorno diventare una idol di successo e magari, perché no, riuscire ad incontrare il suo idol preferito, Hiroya Aikawa. Proprio grazie ad un poster che lo raffigurava, la piccola conosce Pigu e Mogu, due folletti alquanto buffi, capitati sulla Terra per puro caso. In cambio di asilo, offrono a Miho la possibilità di avere poteri magici e, grazie alla formula magica "Dabu dabu", la piccola si trasforma in una quindicenne: nasce il mito di Lala, ingaggiata per puro caso dalla Lyrical Production (società che si occupa di sfilate di moda) e divenuta star e dunque idol a tutti gli effetti. Le difficoltà sono dapprima moltissime ma poi tutto si tinge di magia, grazie anche allo stesso Hiroya che Lala finalmente conosce e che la prende in simpatia. Le avventure non finiscono davvero mai per la nostra piccola maghetta: gelosie, amori, successi e rinunce. Questa avventura, permetterà a Miho di crescere e di comprendere i valori della vita, diventando più responsabile e fiduciosa verso un futuro.
Beh, dopo la lettura dell’ultimo volumetto, posso dire che Fancy Lala mi è molto piaciuto !
Ma è anche vero che io sono un po' di parte, in quanto vero appassionato di tutto quello che fa "maghetta".
La storia è piuttosto semplice e, al primo impatto, potrebbe sembrare un bel fritto misto di vecchie serie dello stesso filone: abbiamo Miho che è sempre in ritardo e che è costretta a dire piccole bugie per giustificare le sue azioni (ricordate Maho No Tenshi Creamy Mami?); la trasformazione non è delle più originali (pensate un po' a Pastel Yumi…) e anche l'idea dei folletti è vecchia quanto Creamy o Magica Emi. E allora, cosa avrà di così interessante una serie che di innovativo non possiede granché? Personalmente, mi sono molto divertito proprio per via di tutto quello che ho appena citato!

Il manga, edito in Italia dalla Planet Manga, conta di quattro soli volumi nel nostro Paese, due in origine in Giappone. Datato 1998, venne pubblicato subito dopo la trasmissione della serie TV di 26 episodi, un po’ più dettagliata e disegnata con un tratto decisamente migliore sicuramente grazie alla mano fatata della character design Akemi Takada.

Lo sfondo shojo la fa da padrona e il tutto è molto più introspettivo rispetto alle vecchie maghette; mi piace molto il tratto, in puro stile shojo e, insomma, dopo aver visto lo scempio che è stato fatto in TV sulla Mediaset, non pensavo che il manga mi potesse attirare così tanto! Non c'è nulla che ha a che fare con gli episodi trasmessi per tele, quando inizierò a scrivere la recensione sulle puntate, ve ne potrete rendere conto di persona.
Curiosamente non è stato cambiato del tutto il nome della serie TV in Italia, da "Maho no stage Fancy Lala" abbiamo ritrovato "Fancy Lala", il che ha stupito non poco [strano che "Fancy" non sia diventata "Francesca", non trovate? ^_^], mentre per quello che riguarda le ormai dannate censure, ne abbiamo anche qua di cotte e di crude con una novità assoluta a riguardo: gli ultimi cinque episodi originali, diventano... quattro qua in Italia! Censurando qua e là, la Mediaset s’è trovata di fronte agli ultimi cinque episodi decisamente più corti e così, per riempire gli spazi, li ha uniti qua e là, creando però così quattro episodi di ben 26/28 minuti ciascuno. Tristezza!
Riassumendo, è stato più semplice leggere il manga che non seguire la serie TV fino in fondo (forse se quest’ultima fosse stata formata da quattro episodi, non sarebbe stato così!), comunque nel complesso direi che sono soddisfatto, anche se nessuno probabilmente la pensa come me... U_U
Il manga è molto scorrevole se escludiamo gli inutili e dannosi episodi fuori tema, anche se si fatica un po’ nell’accettare il tratto grafico forse un po’ approssimativo; la serie TV, a tratti un po’ noiosetta e magari con qualche episodio qua e là che potevano anche evitare in quanto irrilevante ai fini della storia, con un bel character design diciamo che rende molto bene: Lala a parer mio è davvero molto bella. Peccato che qua in Italia ci siamo persi qualcosa per la strada, come spesso succede, a causa, come detto, delle censure.
Un appassionato di maghette come il sottoscritto non può comunque non apprezzare questo genere di lavori e Lala non fa eccezione: sono contento di aver visto la serie TV (seppure ridotta maluccio) e di aver letto il manga. Non ho mai sperato di vedere una seconda Mami, in quanto inimitabile; forse anche per questo, diciamo che mi sono accontentato. ^^
Concludendo, consiglio il manga a tutte quelle persone che adorano gli shojo, a tutti i nostalgici delle care e vecchie maghette e a tutte le persone che vogliono togliersi un po' l'amaro di bocca dopo aver visto la serie TV andata in onda su Italia 1.
Provare per credere!!!

KYOSUKE



In my humble opinion (I commenti degli altri):
La serie tv l'ho trovata veramente abominevole, gli episodi non avevano nè capo nè coda, senza parlare della fine davvero ridicola. L'unico pregio potrebbe essere il chara della Takada, ma il suo nuovo stile non mi ispira più di tanto.
Il manga l'ho trovato decisamente più carino, anche se un po' troppo infantile. Le storielle autoconclusive invece sono davvero oscene, ce le potevano risparmiare.
Se devo essere sincera questa storia non mi è proprio piaciuta.
Avevo iniziato a seguire l'anime in tv, ma dopo una settimana ho iniziato a trovarlo noioso e ho smesso (non succedeva nulla ed era inconcludente). Il manga forse è leggermente meglio, ma anche questo non mi ha detto niente di speciale... sarà che io e le storie da bambini non andiamo d'accordo. Comunque non posso certo darne un giudizio positivo, inoltre tutta questa storia mi è sempre sembrata troppo ispirata ad altre maghette dello Studio Pierrot.
Ah!! Non le fanno più le buon vecchie Creamy Mami e Lulù di una volta!!

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com
Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.