Torna all'homepage del Nekobonbon

 


Ukyo e SakyoUna delle opere di Miwa Ueda arrivata in Italia è Jesus Christ!, manga in 2 volumetti che racconta le avventure di Ukyo e Sakyo due gemelli separati alla nascita che si reincontrano ormai adolescenti: mentre Ukyo è cresciuta come un maschiaccio, Sakyo si rivela al contrario essere estremamente effemminato; i due verranno inoltre coinvolti in un complotto per usurpare il trono di un piccolo principato europeo.
Questo manga fu scritto e disegnato dalla sensei all'inizio degli anni '90 e presenta pertanto tutte le ingenuità tipiche delle prime opere di una mangaka non ancora del tutto affermata, i disegni si presentano infatti ancora acerbi e incerti sebbene facciano già trapelare le potenzialità della sensei e si intravedano i suoi elementi caratteristici, ma comunque nonostante la loro semplicità risultano ugualmente gradevoli se si evita di paragonarli ad altre sue opere successive.
Il vero punto debole è piuttosto la trama, molto confusionaria e frammentaria che rende difficile al lettore appassionarsi alle vicende in cui si trovano coinvolti i protagonisti o ad affezionarsi ai vari personaggi che risultano tutti piuttosto scialbi e poco approfonditi; inoltre non aiuta il fatto che non ci sia una vera e propria conclusione, anzi il secondo volume sembra quasi un surplus inutile dal momento che è composto da storielle extra che non aggiungono assolutamente niente alla storia principale, per non parlare del finale vero e proprio che lascia veramente basiti (potete leggerlo nella pagina del manga dove trovate un breve riassunto).
Si fa pertanto fatica a giungere alla fine della lettura, a causa anche del pessimo adattamento della Play Press (la casa editrice che pubblicò il manga) tanto che ci si ritrova di fronte ad una traduzione approssimativa che spesso rende difficile capire cosa stia succedendo e, cosa anche più grave, a diversi errori di stampa e di grammatica. Forse si volle buttarsi a pesce sulle opere della Ueda dopo la conclusione di Peach Girl che qui da noi ebbe un discreto successo e quindi nella fretta non si prestò abbastanza cura alla revisione dei testi, qualunque sia il motivo comunque ci si ritrova tra le mani un prodotto mediocre, considerando anche il fatto che già non si partiva da un capolavoro.
Per chi si chiedesse da cosa deriva il titolo, se non mi ricordo male è una sorta di esclamazione che viene pronunciata nel manga da uno dei personaggi ma non prendetela come verità assoluta perchè ho rivenduto i volumetti parecchio tempo fa e non posso andare a controllare ;-) Quindi, se non si fosse capito da quanto scritto sopra e volendo dare un giudizio conclusivo, non posso che sconsigliare l'acquisto di questo manga che peraltro è esaurito da tempo (perchè la Play Press ha smesso di pubblicare manga) ma è reperibile agevolmente su eBay o altri mercatini dell'usato. Personalmente però spenderei i miei soldi in qualcos'altro... ^_^

Questo sito non č a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com
Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.