Torna all'Indice dei Reportage

LUCCA COMICS AND GAMES 2013

locandinaCome di consueto, nei giorni che vanno dal 31 ottobre al 3 novembre, si è tenuta, nell'omonima città toscana, la manifestazione Lucca Comics and Games. Anche quest'anno l'affluenza di pubblico è stata impressionante e i dati ufficiali registrano un incremento significativo dei visitatori, le notizie ufficiali riportano ben 200.000 biglietti staccati ai quali vanno aggiunte tutte le presenze di quella parte di pubblico che non era interessata alla mostra mercato, ma che si è recata in città solo "in visita". Un numero enorme di persone che dimostra come tale evento oramai acquisti sempre più importanza e risalto a livello nazionale (e non). Evento che alla fine suscita interesse anche in coloro che non sono certo "addetti ai lavori" e di fumetto, animazione, film e giochi non ne sa niente, ma viene in città solo per dare un'occhiata e farsi un giro, non pochi erano "i curiosi" che hanno passeggiato sulle mura in questi quattro giorni di festa. Moltissimi gli eventi e le iniziative in programma: concerti, esibizioni, proiezioni, giochi, incontri con autori ed editori, mostre e via dicendo. Impossibile assistere a tutti e impossibile non trovare qualcosa di proprio gradimento. Rovescio della medaglia sono ovviamente i problemi di traffico e di sovraffollamento degli stand e delle strade, nonché le criticità relative alla sicurezza e alla pioggia: abbiamo avuto la sensazione che gli spazi abbiano ormai raggiunto e superato i limiti massimi, complice un notevole allargamento della "cultura nerd", e che ci sarà molto da lavorare per rimanere al passo con questi numeri vertiginosi. Ma si sa, Lucca è sempre Lucca, e noi l'apprezziamo anche pigiati in fila, sotto l'ombrello o bloccati in mezzo alla folla.
Sempre più interesse e successo riscuote il Japan Palace, l'area nella quale vengono condensate e raccolte tutte le iniziative dedicate al Giappone. Quest'anno, oltre alle consuete manifestazioni presenti anche gli anni scorsi, quali: workshop di fumetto e cosplay, lezioni di giapponese, possibilità di cimentarsi nel gioco del Go, stand gastronomici e di oggettistica e artigianato nipponico, si è aggiunto un Maid Cafè dove si poteva fare una pausa ed esser serviti da signorine in costume da camerierine-lolita (a pagamento, naturalmente). Un luogo decisamente più congeniale ai fan di sesso maschile ma che ha visto la presenza anche di qualche ragazza, magari tirata dentro dagli amici.japan palace
Sempre nel Japan Palace erano presenti due mostre, una del talentuoso fotografo Naoya Yamaguchi e una al disegnatore e illustratore Yoshiyasu Tamura (del quale si è "occupata" la nostra Aya-chan e della quale vi riporto, qui sotto, un breve commento).

Di tutti gli ospiti di Lucca Comics & Games 2013, ero molto incuriosita dai lavori del Maestro Yoshiyasu Tamura. Un artista che spazia dai quadri in acrilico (le cui foto non rendono piena giustizia alle opere originali viste dal vivo) al manga.
All'inizio pensavo di visitare solo un'esposizione di quadri, in cui solo per miracolo fortuito avrei potuto incontrare l'autore, ma mi sbagliavo! Tamura-Sensei era sempre presente e sorridente nel salutare gli spettatori della sua mostra, vendendo i suoi artbook e portfolio.
Inoltre si rendeva disponibile a lavori su commissione seduta stante, come ad esempio:
- disegni su carta di riso dei suoi personaggi (erano un pochino costosi, ma il risultato valeva la spesa)
- su cartolina, ritratto manga del richiedente con autografo (10€, un prezzo abbordabile)
- su cartolina, personaggio dell'autore con autografo (5€)
Io ho approfittato della seconda opzione e son rimasta MOLTO soddisfatta! *_*
[Aya-chan]

Purtroppo, visto il grande interesse e la sua collocazione nel Real Collegio, il Japan Palace soffre di un problema di fondo, cioè l'accessibilità. Nonostante si siano notati dei grossi sforzi da parte dell'organizzazione riuscire ad entrare e girare comodamente questa parte del Comics risulta sempre piuttosto difficoltoso, proprio a causa della grande affluenza. Si sono registrate lunghe code all'entrata, anche se una volta riusciti nell'intento, la gestione controllata del pubblico ha reso l'edificio decisamente più vivibile e meno stipato degli anni scorsi.
Le lunghe code per accedere ai vari padiglioni della fiera sono state un po' la costante di questa edizione, proprio a causa delle moltissime presenze. Quasi del tutto inaccessibile è stato lo stand della Warner Bros, preso d'assalto fin dalle prime ore del mattino e fino a tarda sera persino l'ultimo giorno di fiera. La casa di produzione americana warner brospresentava alcune chicche imperdibili per i fan: l'anteprima dell'attesissimo Thor II - The Dark World, dvd in vendita in anteprima, incontri con i doppiatori italiani de Lo Hobbit, eventi dedicati ad Hunger Games, l'anteprima della settima stagione di The Big Bang Theory e molto altro. Davanti al loro padiglione svettava un enorme riproduzione del martello di Thor ed alcuni artisti si sono cimentati nella scultura di statue di ghiaccio dedicate a Frozen, il prossimo film Disney.
Sempre suggestive e interessanti sono le mostre di Palazzo Ducale. Anche quest'anno i protagonisti erano piuttosto vari. Stephan Martinière, artista che si occupa soprattutto di scenari e che ha collaborato a moltissimi film fra i quali possiamo citare Star Wars, Tron: Legacy, Io Robot, Star Trek, ma si è cimentato anche con i videogiochi (Uru: Ages Beyond Myst e Mortal Kombat, ad esempio) e illustrazioni per carte Magic. Decisamente visionari e suggestivi sono i mondi che crea (per lo più con l'uso della grafica computerizzata), lasciano a bocca aperta e lo spettatore si perde letteralmente nell'osservare ogni minimo particolare delle sue opere. Esposti erano anche due simpatici omaggi a Il Castello nel Cielo di Laputa e all'orsetto Winnie the Pooh.
Ci ha colpito molto anche la sezione dedicata a Giulio De Vita, disegnatore di Thorgal, ma che ha lavorato anche a Lazzarus Ledd, al character design di Aida degli Alberi, a Kylion della Disney e ha curato gli storyboard di molti videoclip di cantanti famosi, nonché le copertine degli album degli 883. Anche qui presente un "omaggio simpatico", De Vita ha fatto esporre due disegni di quando era ancora un bambino: il suo ritratto di cosa sarebbe diventato da grande (e non rappresentava un fumettista, ma un vagabondo con tanto di moto e sacco in spalla X°°D) e la sua prima storia a fumetti che trattava un tema supereroistico molto simile ad Hulk.
Altro pezzo forte è stata la mostra dedicata a Terry Moore, alle sue eroine e alle ultime tavole di Strangers in Paradise, di cui quest'anno ricorre il 20° anniversario e la cui ristampa è appena iniziata per la casa editrice BAO.abito
Il connubio fra moda e fumetto ha portato alla creazione di sette abiti dedicati ed ispirati ad altrettante icone femminili del fumetto: da Eva Kant a Wonder Woman, da Satanik a La Donna Invisibile dei Fantastici 4 per poi passare a Valentina, Catwoman e Fujiko Mine di Lupin III. Non a caso il manifesto del Lucca Comics and Games 2013 ritraeva una fanciulla elegante e battagliera e il logo recitava "Questione di Stile"…
Concludevano la rassegna di Palazzo Ducale i lavori di Herman, fumettista belga, Beatrice Alemagna illustratrice italiana e Guy Delisle, autore canadese.
Come sempre uno dei punti focali della fiera è il Music&Cosplay, col suo palco sulle mura che ha ospitato le gare cosplay organizzata dall'Associazione Flashgordon e concerti seguitissimi. La gara cosplay di sabato, come da quattro anni a questa parte, comprendeva anche le selezioni per i rappresentanti italiani all'ECG (European Cosplay Gathering, competizione a livello europeo che si tiene al Japan Expo di Parigi), nonché una mini-gara dedicata ad Assassin's Creed; la giornata è stata funestata dalla pioggia, e ancora una volta si è avvertita la grave mancanza di una soluzione al coperto o almeno di strutture in grado di riparare i partecipanti in attesa della salita sul palco. Non sono mancati incidenti e danni, e ci si augura che l'organizzazione voglia prendere in seria considerazione il problema per il futuro. Nonostante questo, i due giorni di gara hanno visto costumi sempre più spettacolari e scenette elaborate (anche qui, altro appunto da fare, sul maxischermo alle spalle dei partecipanti scorrevano pubblicità di negozi o prodotti che avranno anche aiutato a sostenere le spese, ma certo non valorizzavano le performances dei partecipanti…). E ovviamente il cosplay non è solo palco, ma presenza colorata e spettacolare di tutti e quattro i giorni di fiera e di ogni angolo di Lucca. Le iniziative in tal senso sono poi sempre maggiori: set fotografici sparsi per la città, shootings nelle splendide location delle ville Pfanner e Bottini, sfilate a tema come quelle di Doctor Who e quella steampunk.
Grande aspettativa e grande successo ha riscosso il concerto di Cristina D'Avena che si è tenuto sabato 2 novembre, pubblico foltissimo e in delirio, come sempre. La "Cristina Nazionale" ha eseguito, insieme agli ormai inseparabili Gem Boy, i suoi successi più famosi, riproponendo, come nell'esibizione di alcuni anni fa, alcune delle insert song italiane di Creamy Mami, forte anche del fatto che quest'anno ricorre il 30° anniversario della nascita della maghetta nipponica.
Il palco ha visto protagonisti anche altre band e ospiti: Andrea Agresti con Clara Serina de I Cavalieri il palcodel Re, i Banana Split con il loro progetto Cantiamo Insieme per il Meyer che ha visto la partecipazione delle più famose cover band italiane, i Bishonen, Miwa e i suoi componenti, un concerto dedicato a Capitan Harlock con i Raggi Fotonici, Douglas Meakin, Fabrizio Mazzotta, Claudio "Spectra" Maioli e a conclusione domenica 3 novembre l'esibizione di Giorgio Vanni.
Non sono mancate le performance di artisti giapponesi quali i Kamui, Mika Kobayashi (interprete di alcune sigle di Attack on Titan, Gundam Unicorn, Sengoku Basara), gli immancabili Eriko e Dj Shiro e le Tokyo Dolores.
Sempre restando in tema di ospiti nipponici non erano pochi i mangaka invitati a questa manifestazione, oltre al già citato Yoshiyasu Tamura sono stati presenti Miki Yoshikawa, autrice di Yankee-kun e Megane-chan, Kengo Hanazawa, creatore di I am a Hero, Inio Asano, mangaka di Buonanotte Punpun e Solanin e Yonezou Nekota famosissima autrice Boy's Love pubblicata in Italia dalla Magic Press, suoi sono i titoli Trattami con Dolcezza e Tsuyogari. La Sensei è stata disponibile e gentilissima con tutte le sue fan firmando autografi e incontrando il suo pubblico. Si potevano anche scattare foto insieme a lei ma a patto di non divulgarle e renderle pubbliche in quanto la Maestra non vuole far trapelare la sua vera identità.
Non si può evitare di menzionare, anche se un po' al di fuori del "raggio d'azione" del Nekobonbon, l'immensa area Games, con la sua Citadel per il gioco di ruolo dal vivo a sfondo storico, i tornei di giochi da tavolo, di carte e videogames, le installazioni per provare le novità del mercato videoludico e gli incontri con gli autori. Anche qui non sono mancate le difficoltà a gestire i flussi in entrata e in uscita, ma i contenuti giustificavano l'affollamento. Da ricordare l'enorme spazio dedicato a League of Legends, GDR online che ha letteralmente spopolato, di cui abbiamo apprezzato le sessioni live in cui gli illustratori hanno creato su megaschermo e spiegato in tempo reale splendidi artwork destinati al gioco. Tra gli artisti presenti al padiglione Games segnaliamo anche Luca Enoch e Stefano Vietti, autori bonelliani che hanno parlato del progetto "Dragonero", incontrato i fan, firmato autografi e presentato il GDR dedicato al fumetto; e Stephen Silver, character designer e animatore di fama mondiale, che ha offerto workshop e sessioni di illustrazione. Anche gli amanti delle carte Magic umbrella corphanno potuto incontrare i più famosi illustratori del gioco e acquistare le riproduzioni dei loro lavori.
Come sempre non sono mancate conferenze e annunci di novità editoriali proposti dalle varie case editrici e delle quali vi abbiamo dato notizia "in presa quasi diretta" sulla nostra pagina Facebook durante i giorni della fiera. Nel prossimo futuro ci aspettano tutta una lunga serie di nuove opere che affolleranno le nostre fumetterie.
Anche quest'anno abbiamo potuto assistere a una manifestazione piena di eventi con un programma sempre più fitto e vario, un appuntamento sempre irrinunciabile e imperdibile, che per quattro giorni ci catapulta, ogni volta, in una sorta di mondo parallelo e fantastico.
Adesso non ci resta che aspettare l'edizione 2014!!

Potete trovare altre foto e di qualità migliore sul nostro profilo Facebook!

minmay
&
shu
Si ringrazia infinitamente Aya-chan e Hisoka per la collaborazione!! Thank you!!!
Torna all'Indice dei Reportage

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.