Torna all'Indice dei Reportage

LUCCA COMICS 2009

LocandinaLucca Comics & Games 2009 si è tenuta nel week-end che andava dal 29 ottobre al 1° novembre e anche quest'anno non ce la siamo lasciata sfuggire. Per noi manga fan e fan in primis di shoujo gli eventi più succosi e appassionati erano la mostra per il ventennale delle Clamp e l'incontro con Akemi Takada, ma il programma prevedeva altri interessanti iniziative: dalle mostre di Vittorio Giardino, Donato Giancola (illustratore di Card Magic), agli incontri con svariati autori fra i quali ci piace segnalare quello con John Kovalic autore del divertentissimo Dork Tower. Riguardo alle proiezioni degna di nota (ma inavvicinabile) è stata la preview del nuovo film di One Piece, come inaffrontabile è stato il concerto di Cristina D'Avena e Giorgio Vanni allo stand Mediaset.
Quest'anno la fiera è stata "spalmata" in quasi tutta la città, cosa che da un lato ha giovato: i visitatori non erano tutti concentrati i pochi luoghi e non si sono verificati ingorghi e ammassi di folla, insomma è stata più vivibile. Molto ha giovato il decentramento del palco, spostato un po' più sulle mura e l'aver organizzato la zona dedicata agli stand giapponesi vicino a San Frediano, in un palazzo apposito (ribattezzato per l'occasione Japan Palace). Qui c'erano gli stand dedicati a materiale riguardante manga e anime, lo stand della Lilac che anche quest'anno ci ha fatto gustare prodotti culinari tipici nipponici e al piano superiore si sono tenute lezioni di giapponese, partite di Go ed era presente la prima parte della mostra dedicata alle Clamp, quella con le installazioni. C'è da dire che quello che abbiamo visto a Lucca era parte della mostra che era stata dedicata alle quattro autrici al Japanexpo, in Francia. Al primo piano del Japan Palace erano state allestite varie stanze dove erano riprodotte alcune ambientazioni dei manga delle Clamp: si andava dalle rovine del Palazzo di Zenmi (RG Veda), alla stanza di Hinoto (X), alla sala da the di Yuuko (Holic) a una stanza dove su un tavolo era appoggiato il Libro di Clow e dal soffitto pendevano tutte le carte. Luoghi davvero suggestivi nonché.... il paradiso del cosplayer clampiano!!!CLAMP
Altra installazione (ma a scopo commerciale) che ha mandato in brodo di giuggiole Minmay e Aya è stato il mega-diorama che era presente allo stand Yamato: rappresentava un complesso di templi e tempietti su cui erano stati disposti i modellini Myth Cloth di Saint Seiya. Il sogno di ogni fan!!!! *__________*
Tornando alle Clamp a Palazzo Ducale erano presenti le loro tavole originali. E qui... si è rasentato l'infarto... Sia la disposizione dei disegni che il percorso che l'illuminazione rendevano questo evento davvero suggestivo. I disegni coprivano un po' tutto il loro percorso artistico, presentando disegni delle opere più famose si andava da RG Veda a Tsubasa Chronicle e xxxHolic, passando per X, Rayearth, Card Captor Sakura, Chobits... Più un disegno di Watanuki realizzato proprio per la mostra lucchese. Quello che ci ha stupito maggiormente è notare il formato delle illustrazioni a colori... davvero PICCOLO!! Le Clamp disegnano in modo davvero particolareggiato e vedere che le tavole erano su un B4 ci ha fatto davvero uno strano effetto!! Alla fine del percorso potevi compilare una scheda con i tuoi dati, il manga preferito e lasciare un messaggio alle autrici (ho visto molta gente che chiedeva quando si sarebbero conclusi i loro manga a metà! XDDD). Mostra bellissima, solo quella valeva un salto a Lucca!!!
Un altro degli eventi che i fans attendevano con maggior trepidazione per questa edizione di Lucca Comics è il tanto annunciato incontro con Akemi Takada. Come indicato sul sito della Yamato Video, per poter incontrare la famosa illustratrice giapponese, era necessario inviare una mail e sperare di essere tra i prescelti per le sessioni di autografi del sabato 31/10 e della domenica 1/11. Inizialmente dovevano essere selezionate 75 persone per ciascuna giornata, ma si vocifera che poi siano diventate 100...diorama
Comunque sia, due di noi hanno avuto la fortuna di essere chiamate per l'appuntamento del sabato (per la precisione Sbrn e Ayachan, in quanto Kyocchan era già stato scelto per l'incontro di Milano la settimana precedente), ma abbiamo avuto ancora una volta riprova di come vengano male organizzati questi eventi. L'appuntamento era alle 15 nei pressi dello stand Yamato, dove ci si doveva presentare con la stampa della mail ricevuta. Dopo un po' di attesa, ecco arrivare uno degli addetti "all'appello", un tizio che sprizzava gioia da tutti i pori (ovviamente sono ironico-sarcastica), che ha iniziato letteralmente a fare l'appello. Peccato che parlasse col tono di voce di un prete in confessionale, tanto che dalle retrovie non si capiva assolutamente niente ed erano i fans nella prima fila che dovevano ripetere ad alta voce il nome chiamato. Misteriosamente l'appello si è interrotto alla lettera N (o giù di lì) con comprensibile perplessità di coloro che avevano il cognome con una lettera più "alta". Poco dopo riecco l'omino di prima... e riecco che ricomincia l'appello daccapo e si riferma alla stessa lettera di prima. La scena si è ripetuta altre 2 o 3 volte, tant'è che a un certo punto pensavo apparisse la scritta "sei su Scherzi a parte", comunque dopo circa un'ora di attesa è finalmente iniziata la processione verso il bugigattolo dove avevano confinato la Takada. Chiamavano i partecipanti uno per volta (aridaglie l'appello), e arrivati alla porta del suddetto bugigattolo riverificavano nuovamente l'identità del prescelto (manco per incontrare Obama ci sarebbe voluta tutta questa tiritera).
La Takada si è dimostrata deliziosa e carina al di là di ogni aspettativa: si poteva scegliere tra tre diverse illustrazioni (raffiguranti Creamy o Madoka o Noa) e anche il colore del pennarello era a discrezione del fan, che si ritrovava così con una dedica personalizzata (beh, non che ci scrivesse un poema, era solo un "caro Tizio" o "caro Sempronio", ma almeno ci siamo aggiudicato un 'autografo meno anonimo del solito). Pochi minuti e avanti il prossimo.takada
Immagino che dopo aver smaltito la prima mandata di persone, si sia ripetuta la stessa solfa per chi aveva i cognomi con le lettere successive. Sinceramente penso che la cosa potesse essere organizzata meglio, semplicemente creando una fila più ordinata di persone man mano che queste arrivavano allo stand (e verificando via via che entravano se fossero effettivamente sulla lista) oppure dando due orari di appuntamento diversi (per esempio le 15 per le lettere A-M e le 16 per le lettere N-Z). Non oso immaginare quanto abbiano dovuto aspettare quelli che si chiamavano con la Z... ma tanto si sa, in Italia siamo famosi per fare le cose burocraticamente iper-complicate U.u
Immancabile anche questa volta il concorso di cosplay. Per quanto riguarda le gare di sabato e domenica le iscrizioni sono state regolamentate via internet e il numero dei partecipanti è stato ridotto a 400 ogni giorno, cosa che ha reso più gestibile e "umano" l'evento. Come al solito si sono visti cosplay di tutti i tipi: da quelli più artigianali a quelli super-professionali, ma l'importante è divertirsi vestendo i panni dei propri personaggi preferiti.
Quest'anno però è partita anche una nuova iniziativa dedicata a questo particolare evento: il Lucca Movie & Cosplay, ovvero una gara di film realizzati da ragazzi (e meno ragazzi) in cosplay. I cortometraggi in concorso erano nove e abbiamo assistito alla premiazione il venerdì. La cosa ci ha non poco stupito per la realizzazione tecnica!! Fra i vincitori c'era un "omaggio" ai Ghostbusters con degli effetti speciali davvero ben fatti!! Poi un film dedicato a Indiana Johns (anche questo ben recitato, diretto e molto professionale), uno dedicato agli X-Men, una super-spassosa parodia di Evangelion (in cui l'arma finale della Nerv era la signora Fletcher) e la realizzazione "dal vero" della prima sigla di One Piece, davvero ben fatta!!!! Iniziativa davvero interessante e che potrebbe riservare parecchie sorprese per gli anni a venire.
Per quanto riguarda le novità in questi ultimi anni non escono fuori grosse news dalla mostra, quello che viene annunciato rimbalza sempre prima o negli stessi giorni in rete, noi segnaliamo solo: l'uscita del nr.1 di Kobato delle Clamp ad opera della J-Pop che si è fatto notare per la doppia versione checosplay definiremo una menolusso e una più lusso!! *_* La prima è quella "standard" che non solo presentacarta di qualità e sovraccoperta ma anche la stampa di copertina con effetto "lamina di metallo", mentre la versione più lussuosa presentava una diversa illustrazione di cover e una sovraccoperta trasparente su cui erano stampati alcuni elementi del disegno. Un'edizione che ci ha lasciato davvero a bocca aperta!!
Insomma i soliti quattro giorni intensi e stancanti. Noi siamo usciti dalla mostra davvero contenti. Ora non ci resta che aspettare la prossima...


Nota: se cliccate sulle immagini potete vederne la versione estesa.

minmay
&
sbrn
Torna all'Indice dei Reportage

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.