Torna all'homepage del Nekobonbon

 

SHIZUE TAKANASHI

AutoritrattoShizue Takanashi nasce il 31 agosto di un anno non precisato nella prefettura di Chiba e debutta nel 1975 sulla rivista Bessatsu Nakayoshi con la storia breve "Momotaro yori ohoshi-sama e".
Autrice non certo famosa per la bellezza dei disegni (la caratterizzazione dei personaggi è infatti spesso solo accennata e piuttosto tirata via), è diventata famosa grazie ad alcune storie azzeccate ma in genere sceneggiate da altri, come Spank e Doremì, trasposte in animazione e rivolte in prevalenza ad un pubblico di giovanissimi. Proprio grazie al manga "Hello! Spank" ha vinto nel 1981 il Kodansha Manga Shou nella categoria shojo e proprio alla Kodansha è rimasta legata per tutta la sua carriera di mangaka.

Parte della produzione della sensei, soprattutto nei primi anni di carriera (ma non solo), sono raccolte di storie brevi:

Cover
Anno
Titolo Giapponese
e Storie Contenute
Pocket ippai no yume
1976

Pocket ippai no yume

Pocket ippai no yume
Sorairo no fuusen no ohanashi
Hide-kun no tegami
Nekosan mitsuketa
Himawari waraita
Kaze no aru hi no gogo deshita

Kocchi muite suki
1977

Kocchi muite suki

Kocchi muite suki
Mahou no binzumea~geru
Kisetsu hazure no Santa-san
Jam ojisan no inu

Boku no Rei-chan
1977

Boku no Rei-chan

Boku no Rei-chan
Hiro-chan no yattekita hi

[Nota: il kanji "Rei" può essere letto anche
"Suzu" o "Rin" quindi talvolta questo manga
viene indicato con traslitterazioni diverse
]

Shiawase iro no fuukei
1977

Shiawase iro no fuukei

Si tratta di una storia unica
suddivisa in 6 capitoli.

Cover
Anno
Titolo Giapponese
e Storie Contenute
Orange tsuushin
1980

Orange tsuushin

Anche questa è una storia unica.

Himitsu no u-fu-fu
1984

Himitsu no u-fu-fu

Himitsu no u-fu-fu
Kyoufuu - Hi apple pie
Aitsu no heart wa 50cc
Hajimemashite no koi dakara
Akuma de ii tomo!

Omakase lunch
1988

Omakase lunch

Omakase lunch
Complex hari nezumi
Konpeitou magic

Heart no naisho banashi
1988

Heart no naisho banashi

Heart no naisho banashi
Naisho no milky lip
Naisho no tanpopo yohou
Naisho no handkerchief message
Yume no binzume ika ga?

Nel giugno 1978 fa il suo debutto il personaggio di Spank, il buffo cagnolino protagonista di "Ohayoo! Spank": questo manga è stato raccolto in 7 volumetti e anche trasposto in animazione dalla Tokyo Movie Shinsha. Sceneggiato da Shun'ichi Yukimuro (famoso per aver lavorato su serie tv quali Sazaesan, Sally la maga, Memole e molte altre) Ohayoo! Spankracconta le avventure di Spank, un cagnolino bianco "adottato" da Aiko Morimura dopo la morte del suo cucciolo; oltre alle vicende puramente shojo di Aiko, assistiamo quindi anche a tutta una serie di avventure che vedranno coinvolto il cane pasticcione e i suoi amici animaletti, dall'inseparabile amico/rivale Torakichi all'amata gattina Cat, anche se la versione cartacea e quella animata differiscono molto tra loro [personalmente preferisco di gran lunga l'anime].
Nell'agosto 1981 è stato poi pubblicato un tankobon speciale intitolato "Spank no Waowao tanteidan" ("Il gruppo investigativo WaoWao di Spank") che presentava alcune brevi storielle autoconclusive che avevano per protagonista il bianco cagnolino.

Non mancano comunque altre storie che coprono più di un volumetto: abbiamo quindi "Hohoemi zoo-ming" del 1982-83, composto da 2 volumetti; nel secondo tankobon sono raccolte anche le storie brevi "Superman ni narenakatta yo", "Garibentou-chan koi no uta" e "Hero ni ai no te wo!". Nel 1985 escono invece i 2 volumetti di "Sora-chan no boushi", mentre tra il 1986 e il 1987 vengono pubblicati i 3 tankobon di "Umi-chan donna iro?" in coda all'ultimo dei quali è presente la storia breve "Maru-Batsu-Sankaku". Nel 1986 è stato anche edito un LP che conteneva brani ispirati ai due manga "Sora-chan no boushi" e "Umi-chan donna iro?".

Hohoemi zoo-ming
Hohoemi zoo-ming
Image Album LP
LP
Sora-chan no boushi
Sora-chan no boushi
Umi-chan donna iro?
Umi-chan donna iro?
I Romanzi
Romanzi

Tanoshi sou tayoriNel 1990 si occupa delle illustrazioni del romanzo "Ruuka de I love you" di Ryo Kubata, nonchè di quelle di "Sayonara handsome shinigami-kun" e "Yume dorobou ni yoroshiku", entrambi di Izumi Toudou. Ma gli anni '90 la vedono per lo più impegnata in brevi storie pubblicate sulle riviste principali della Kodansha (quali Nakayoshi o Run Run) serializzate quasi in contemporanea tra loro e mai raccolte in tankobon: cito solo le più lunghe ovvero "Kuma-san calendar", "Sansoo Zaurus teranokun", "Wakuwaku game ookoku" e "Pair-tachi no yuugana kyuujitsu".
L'unica che è uscita anche in volumetto è "Tanoshi sou tayori" del 1999, eccezionalmente pubblicata per la collana Elegance della Akita comics, di cui però è disponibile solo il volume 1 e risulta pertanto incompiuta.

Ojamajo DoremiNel 2000 la Takanashi si occupa, assieme allo sceneggiatore Izumi Toudou, della trasposizione a fumetti di "Ojamajo Doremi" ("Doremi, la streghetta pasticciona"), storia di una bambina che scopre casualmente la vera identita di una strega e diventa così una sua apprendista. L'opera è famosa soprattutto per la sua versione animata, arrivata anche sui nostri schermi grazie a Mediaset; il manga, strutturato in 3 tankobon, riprende in maniera molto sintetica le avventure delle prime 2 serie animate, seppur con qualche differenza.
Nel 2002 esce anche il primo volume di "Motto! Ojamajo Doremi", ispirato alla terza serie tv, che avrebbe dovuto proseguire le vicende della piccola maga, ma da allora non sono usciti altri numeri, sebbene la Takanashi abbia serializzato altri episodi (l'ultimo è uscito proprio sul numero di gennaio 2003 della rivista Nakayoshi) con il titolo "Ojamajo Doremi Dokkan".

La sensei si è ritirata da tempo dalle scene, dopo Doremì non ha infatti disegnato più niente (il suo nome appare infatti solo come autrice di alcuni articoli per una rivista sui gatti, sua grande passione) e, visto il suo stile piuttosto datato e approssimativo, dubito che possa far di nuovo capolino nel mercato editoriale nipponico attuale. Molti dei suoi manga più vecchi sono comunque disponibili nella collana "On Demand", mentre "Ohayoo! Spank" ha goduto anche di una ristampa in formato bunko ed è arrivato anche qui in Italia in ben 3 edizioni diverse.

Shizue Takanashi in Italia.

La Play Press ha pubblicato i 7 volumetti di "Hello Spank" (da gennaio 2002) e i primi 3 volumetti di "Doremì" (da marzo 2003). Entrambe le pubblicazioni sono concluse.
"Hello Spank" è stato poi ristampato nel 2011 dalla GP Publishing in due diverse versioni: una deluxe distribuita in fumetteria e una da edicola, entrambe in 7 volumetti.

Sbrn

Qui sotto potete trovare il collegamento alle pagine di "Ojamajo Doremì". In arrivo anche la sezione su "Ohayoo! Spank"...

Recensioni complete

Mini-Gallery di Immagini
Altre immagini potete trovarle nella sezione dedicata a Doremi (e prossimamente in quella di Hello Spank)! ^_^

Ultimo aggiornamento APRILE 2013

Questo sito non č a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.