Torna all'Home Page

 

Souryo Logo

AutoritrattoFuyumi Souryo è nata il 9 gennaio 1959 a Beppu nella prefettura di Oita, suo padre era un maestro del teatro No.
Ha debuttato nel mondo dei manga con il racconto breve Hidamari no Homonsha (Un visitatore dove splende il sole) per la Shogakukan e i suoi primi lavori sono stati pubblicati nella collana Flower Comics.
La Mestra Souryo è una vera e propria "macchina per fare manga" in quanto, come ella stessa ha affermato, non fa questo mestiere per sola passione, ma lo considera solo un lavoro come molti altri, quindi è per questo che gestisce le sue scelte professionali con un certo "cinismo" (vedasi il passaggio dalla Shogakukan alla Kodansha) e che per un periodo ha persino disegnato fumetti solo per un tornaconto economico.Boy Friend
Pare che il suo vero sogno fosse di lavorare per il cinema, magari in veste di sceneggiatrice, ma, a detta sua, il maschilismo che regna in Giappone in quel campo le ha precluso ogni strada.
Di solito non legge fumetti, tranne che per documentazione e studio, e pianifica le sue storie e i suoi personaggi in base a ciò che può piacere al pubblico, non al gusto personale.
Nel 1982 ha partecipato a un concorso indetto dalla rivista Bessatsu Shoujo Comic (la stessa che in futuro ospiterà Mars) per caso e senza aver mai realizzato o letto prima un fumetto, riuscendosi a piazzare al 10° posto e a vincere un premio in denaro. Dopo poco tempo inizia la sua carriera nel mondo dei manga lavorando per la Shogakukan. Sempre nel 1982 muore suo padre per una malattia.3 Three
Nel 1985 realizza un breve manga in due volumetti intitolato Onajikurai Ai (Un amoredello stesso peso), sempre lo stesso anno prende il via uno dei suoi fumetti più celebri: Boy Friend. Narra la storia di Masaki Takatou un ragazzo molto introverso che ha dei seri problemi di comunicazione con i membri della sua famiglia. Trasferitosi in una nuova scuola entra a far parte del club di basket e qui viene notato da Kanako Yuuki che si innamora a prima vista di lui, ma la loro storia d'amore non è tutta rose e fiori, anche Kanako ha dei seri problemi causati dall'improvvisa morte della sorella in un incidente stradale e come se non bastasse fra i due si mette in mezzo anche l'allenatore del club di Basket, tale Sou Nakatsugawa, ovvero l'ex-fidanzato della sorella di Kanako... Questo manga verrà raccolto in 10 tankobon e verrà ristampato una prima volta dalla Shogakukan in 6 numeri e una seconda dalla Kodansha in 4. DollDa questo manga verrà tratto un anime di circa un paio d'ore andato in onda l'11 febbraio 1992 su TV Tokyo e poi uscito in Vhs e Ld e verranno stampati un paio di cd: uno con la colonna sonora dell'anime e uno slegato da essa e ispirato al fumetto.
Sempre lo stesso anno esce anche Pink-na kimi ni Blue-na Boku (Tu in rosa, io in blu), storia umoristica, che sarà raccolta in 8 tankobon e succesivamente ristampata nel 1993 nella collana Flower Comics Wide in 4 volumoni.
Nel 1986 esce una raccolta di storie brevi intitolata Rose Tea de Hajimaru (Iniziamo dal thè alla rosa), mentre nel 1988 inizia un'altra delle sue serie più lunghe: 3 Three ambientato nel mondo della musica. La protagonista è Rino Kishimori, una quattordicenne il cui fratello Satoshi e il cugino Ryuichi fanno parte di una rock-band famosa. Anche Rino riuscirà grazie alla sua bella voce e al suo talento a debuttare come Idol, ma dopo un po' deciderà di cambiare genere e dedicarsi al rock, incoraggiata anche dai parenti. Qui incontrerà il bel Kei Nakanome un chitarrista misterioso e introverso. E fra i due nasce subito una certa affinità sia in campo sentimentale che musicale.
Il manga viene raccolto in 14 tankobon per poi venire Marssuccessivamente ristampato anch'esso in 8 numeri una prima volta dalla Shogakukan e una seconda dalla Kodansha. Di 3 Three esistono anche due cd ispirati al manga, ma non so dirvi se contengono musiche, drama o entrambe.
Nel 1989 escono prima: Chiki Chiki Bom! raccolto in 2 volumetti (qui il protagonista è di nuovo un bambino) e poi Owaru Heart Janee (Il mio cuore non finisce qui), raccolta di storie brevi in un unico tankobon. Anche quest'ultimo verrà ristampato dalla Kodansha.
Nel 1992 esce Kanojo ga Cafe ni iru (C'è lei al Cafè) manga piuttosto lungo raccolto prima in 6 numeri e poi in 4 entrambe le volte dalla Shogakukan. In questo fumetto la Souryo ci racconta di un triangolo amoroso fra due fratelli e un'amica del vicinato.
Del 1992 e del 1995 sono rispettivamente i volumi autoconclusivi Eden de Aou (Ci incontreremo nell'Eden) e Saboten (Cactus). Mentre Tennen no Musume-san (Signorine Naturali) è una raccolta in due volumetti di storie scritte usando i personaggi di Kanojo ga Cafè ni iru che esce nel 1994.Taiyoo no Ijiwaru
Da questo momento in poi, con un'abile mossa, la Maestra Souryo riesce a cambiare casa editrice e a passare alla Kodansha, riuscendo persino a riprendere in mano i diritti dei suoi manga (molti dei quali verranno ristampati proprio dalla Kodansha in edizioni di Lusso a partire dal 1997 con Boy Friend).
Il primo fumetto disegnato per questa "nuova" casa è Doll nel 1996 ed Ŕ ambientato nel mondo della danza. E sempre nel 1996 parte il manga che la renderà celebre anche all'estero: Mars che si concluderà nel 2000 dopo 15 tankobon. Narra la storia d'amore fra il bel Rei Kashino e la dolce e insicura Kira Aso appassionata di pittura, ma dal passato tragico (anche Rei in tal senso "non se la cava male": suo fratello gemello è morto suicida sotto i suoi occhi). ES Eternal SabbathNel 1999 legato a Mars è uscito Mars Gaiden - Namae no nai Uma (Mars Capitolo Extra - Il Cavallo senza Nome) che narra avvenimenti accaduti prima dell'incontro fra Rei e Kira.
Nel 2002 vede le stampe la raccolta di storie brevi Taiyou no Ijiwaru (Sole Maledetto) e inizia la serializzazione di ES - Eternal Sabbath, fumetto non più pubblicato su una rivista shoujo, ma su Morning contenitore di fumetti per ragazzi della Kodansha. Qui la maestra si cimenta con poteri estrasensoriali e ricerche genetiche, senza abbandonare le "sue vecchie abitudini", infatti quella che sembra essere la protagonista femminile, tale Mine Kujo, pare che abbia seri problemi a relazionarsi con l'altro sesso e faccia fuggire a gambe levate tutti gli uomini che le girano intorno.
Sicuramente i manga creati da Fuyumi Souryo riescono ad attrarre facilmente anche un pubblico maschile, cesaregrazie alle ambientazioni e alle varie sfaccettature dell'animo umano che l'autrice riesce a delineare e descrivere.
Nel 2004 vede la luce il volumetto autoconclusivo Tamara dove la Sensei si cimenta con delle storie a sfondo giallo/investigativo. La protagonista è una top model che si ritrova invischiata in casi molto particolari.
L'ultima sua fatica in ordine di tempo è Cesare ~ Il Creatore che ha distrutto (quest'opera, in patria, ha il titolo in giapponese Cesare ~ Hakai no Souzousha e come sottotitolo la traduzione italiana di questo), un manga incentratro sulla vita di Cesare Borgia. La Sensei crea un magnifico manga-storico molto accurato, ricercato e stupendamente disegnato. Davvero un capolavoro, che esce a rilento persino nel Paese del Sol Levante e che ha all'attivo al momento (inizio 2012) solo 8 tankobon. Perfino lei l'ha definito "l'opera della sua vita".
Nel frattempo la Shogakukan ha continuato a ristampare i manga di cui ha mantenuto i diritti. Nel 2002 è stata la volta (dopo Kanojo ga Cafè ni iru e Tennen no Musume-san) di Pink-na Kimi ni Blue-na Boku raccolto in 4 volumetti di lusso.

Fuyumi Souryo in Italia

Qua da noi abbiamo potuto leggere Mars (incluso il volumetto extra Mars Gaiden), Taiyou no Ijiwaru (pubblicato con il titolo di Sole Maledetto), Doll, Tamara, Saboten (Cactus), Owaru Heart Jaane (col titolo Never Ending Heart), ES - Eternal Sabbath e stiamo apprezzando Cesare in contemporanea con le uscite giapponesi. Il tutto grazie alla Star Comics.
Mentre la GP Publishing ha dato alle stampe 3 Three in un'edizione in 8 corposi volumetti.


Rei
Doll
Tamara
Rei

Ultimo aggiornamento FEBBRAIO 2012

Minmay

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.

Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.