Torna all'Homepage

Alice 19th Logo

introduzione manga personaggi gallery autrice

introduzione

alice e niozeka Alice 19th è un manga di Yuu Watase serializzato sulla rivista Sho-Comi della Shokakukan dal 2001 al 2003 e successivamente raccolto in 7 tankobon. La protagonista è Alice Seno una studentessa del primo anno delle superiori sempre allegra e gentile con tutti, ma che in realtà è una persona chiusa e incapace di esprimere le proprie idee e i propri sentimenti. Alice ha una sorella maggiore di nome Mayura che a differenza di lei è bella e apprezzata a scuola e, come se non bastasse, è anche innamorata dello stesso ragazzo che piace ad Alice: Kyo Wakamiya. I due inevitabilmente si mettono insieme gettando la piccola nella tristezza più totale. Alcuni giorni prima la ragazzina aveva salvato da un incidente stradale un coniglietto bianco, il quale in realtà è uno spirito fatato di nome Nyozeka, che le rivela che lei è una leggendaria Lotis Master ed è in grado di usare le Lotis, parole che riescono a sprigionare un enorme potere in grado di "salvare e aiutare" le persone preda dell'oscurità. Intanto Mayura cade vittima del male e scompare dal mondo reale. E' qui che inizia l'impresa e la battaglia di Alice per ritrovare e riportare alla normalità la sorella.
Insomma ci troviamo davanti all'ennesimo manga fantasy creato da Watase-Sensei, ma purtroppo fin dalle prime battute ci accorgiamo subito che quest'opera non ha lo stesso potenziale degli altri suoi titoli più famosi, le premesse non sono male, ma il tutto ha un taglio piuttosto "infantile". Ed è un vero peccato perchè i temi trattati sono interessanti e per certi versi molto cupi: il peso e l'effetto delle parole che vengono pronunciate senza prestare loro troppa attenzione, l'incomunicabilità, il tenersi tutto dentro senza esprimere idee proprie e sentimenti, il coraggio di affermare sè stessi, tutte basi che sarebbero molto solide, ma che vengono spesso stemperate da gag e situazioni leggerine. Probabilmente ciò è dovuto al target decisamente basso a cui è rivolto questo titolo, quindi non si è data la possibilità all'autrice di approfondire bene ciò che voleva trattare. Spesso, soprattutto nei primi volumi, quando viene toccato un argomento un po' più spinoso e pesante, viene subito inserita una gag ad alleggerirne i toni. La cosa non si può dire che sia fastidiosa, ma dà comunque l'impressione di trovarsi davanti a un'occasione persa, a qualcosa che poteva essere approfondito e trattato meglio, a un bel po' di potenziale sprecato.
Anche i personaggi non restano decisamente nel cuore del lettore ed è davvero strano vista la bravura della Sensei nella caratterizzazione di questi, non ci si affeziona più di tanto ad Alice o a Kyo, nè si riesce ad odiare Mayura per tutte le cattiverie che mette in atto. I personaggi secondari sono ben delineati ma non approfonditi (ad unica eccezione, forse, di Fray), ma ciò è dovuto più alla brevità dell'opera che alle capacità dell'autrice: non c'era lo "spazio sufficiente" per trattarli più in dettaglio, si capisce che è una serie che è stata chiusa per scarso gradimento di pubblico. Ciò non vuol dire che non ha una conclusione, ci mancherebbe, il fumetto ha una fine netta e molto ben strutturata, tutto viene risolto e portato a compimento, ma è intuibile che era stata pensata per durare molto più a lungo.
Dal lato grafico è impeccabile: bellissimi disegni, precisi, ben curati e tavole impostate perfettamente, con un design di abiti e uniformi davvero azzeccato. Insomma il "classico stile" che Yuu Watase ha avuto dagli ultimi volumi di Ayashi no Ceres in poi, forse quello più adatto per disegnare le sue storie shoujo (è innegabile che gli ultimi volumi del Genbuu Kaiden si sono lievemente "shounen-izzati" a causa del cambio di stile che l'autrice ha avuto per Arata Kangatari).
In conclusione Alice 19th è decisamente un'occasione mancata, ciò non vuol dire che non è un fumetto godibile, si legge bene, scorre velocemente, ma non appassiona più di tanto. Va benissimo se si cerca un manga senza troppe pretese e senza troppo impegno, il cui unico scopo è "far evadere dalla realtà" qualche ora. Questa è una serie che ha più probabilità di piacere a un pubblico molto giovane, per quanto riguarda gli altri è consigliabile solo se "vi serve per completare" la vostra collezione dei manga di Yuu Watase.

alice e nyozeka

Minmay

Questo sito non è a scopo di lucro.
Tutte le immagini sono © dei rispettivi autori e detentori dei diritti.
Tutti i testi sono © dei rispettivi autori.
Chi volesse usare testi e/o immagini del nostro sito
è pregato di chiederci il permesso via e-mail:
postmaster@nekobonbon.com.

Queste pagine fanno parte del sito:
www.nekobonbon.com.

personaggi yuu watase manga galleria di immagini
Avviso ai visitatori: il sito Nekobonbon non usa cookie di tracciamento per fini di profilazione o marketing. Il contatore di accessi usa cookie temporanei di terze parti per l'analisi del traffico in forma anonima, continuando a navigare il sito ne accettate l'uso.
Per altre informazioni o cambiare preferenze sul consenso, visitate la pagina dell'informativa sulla privacy.